Passa ai contenuti principali

IL BUONO DELLA CRISI

Effettivamente finchè non ho avuto necessità di controllare ogni singolo centesimo che usciva dalle mie tasche, se qualcosa mi piaceva, me lo compravo che mi servisse o meno, per trovarmi più di una volta praticamente in bolletta prima della fine del mese...ma poi complice la crisi, la perdita di un lavoro e il dover ripagare un piccolo finanziamento, ecco che ho scoperto il magico mondo del budget...ho scoperto un sacco di blog che parlavano di vita frugale, che non ha nulla a che vedere con i protagonisti di extreme cheapskaters....ho iniziato a mettere da parte ogni centesimo per ripagare il debi( da settembre 2015 sono ufficialmente debt free), ho iniziato a capire la differenza tra voglia e bisogno, ho avuto periodi di shopping ban e di vita sociale pari a zero, ma allo stesso tempo mi ha permesso ci capire che chi ritenevo un vero amico lo era e passava con me pomeriggi a casa a vedere dvd invece di star fuori a bere happy hour e molte altre cose...ma il bello è che anche se ora potrei spendere e spandere, ho deciso di continuare a darmi delle regole in campo finanziario (anche s elo ammetto nelle ultime due/tre settimane non sono stata a segnare granchè delle mie uscite e presumo che la settimana prossima avrò un gran mal di testa nel mio budgeting day) quindi si alle piccole cose e leggendo un articolo su viver sani e belli della scorsa settimana è vero che la crisi è stata nera ma p pur vero che qualcosa di utile ce lo ha lasciato:


  • Ammettiamolo in adolescenza più o meno tutti abbiamo avuto il momento omologazione, ovvero indossavamo tutti le stesse magliette, jeans e scarpe...invece grazie alla crisi c'è stata una grande rivalutazione del DIY ( e io lo ammetto sono invidiosissima di chi sa cucire)....io ancora mi ricordo come mi guardavano male le compagne di calsse modaiole che se non avevi la tsshirt e bors onyx non eri nessuno e invece a distanza di anni posso dire che io un sacco di mode (il maglioncino tricot, le sovrapposizioni di magliette, gonna sopra i pantaloni) le ho anticipate....ora da quando la crisi è arrivata molte continuano a fare shopping come se non ci fosse un domani e magari neanche indossano ciò che comprano (lo ho fatto anche io)altre che invece scelgono di dare una seconda opportunità, non si butta qualcosa che si può recuperare o se proprio sappiamo di non indossarlo lo rivendiamo o lo doniamo alla parrocchia...visto che nel mercatino dell'usato vicino casa mi accettano i libri i vestiti li dono ad una parrocchia che so lavorare benissimo
  • Decluttering: chi non ha una collezione di oggetti magari che non funzionano più ma li teniamo per affetto? con la crisi il superfluo non ha più posto, quindi tutti hanno iniziato un decluttering serio, magari molti hanno letto il libro Il magico potere del riordino, io sono ancora in work in progress, ci sono periodi in cui sono super ordinata ed altri, tipo questo, in cui vivo in un caos organizzato, ma faccio un decluttering periodico di armadio e libreria.
  • Mangiare a casa è diventato il nuovo Uscire a cena,si è riscoperto il piacere della cucina semplice e si sono scoperti nuovi modi per non sprecare il cibo, consiglio di leggere questo post di Balena Volante,che mi ha dato una grand eidea per un'esperimento che ho intenzione di provare a novembre, new post is coming... è vero che questo ha portato anche all'apertura di home restaurant/serate Gnammo che a loro volta hanno portano a conoscenza di nuove persone
  • La condivisione o sharing economy  di cui trovo utilissimi Bla bla car e AirB&B, anche se so che ci sono nuove discipline economiche, ma ovviamente sia questi che Gnammo sono ottimi modi per guadagnare qualcosa extra, ovviamente seguendo le leggi locali

Magari per uscire definitivamente dalla crisi ancora un pò ce ne vuole ma essendo io una che vede il bicchiere sempre mezzo pieno, direi che questa crisi qualcosa di buono ce lo ha riportato...almeno nel mio caso ho rivalutato le piccole cose e le relazioni, ci avete mai fatto caso quanto è più bello prendere un caffè con un'amica che passare un'intero pomeriggio a chattare su whatsup?

Commenti

  1. Il consumismo non ha mai reso felice nessuno i valori ritrovati sì bello tutto quello che dici bisogna essere forti andare avanti e affrontare questa crisi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già fino a qualche anno fa dovevi spendere e spandere per dimostrare uno status basato solo sull' apparenza...ora complice la crisi siamo diventati consumatori consapevoli e non è mica poco

      Elimina
  2. Io credo che in ogni situazione, per nera che sia, bisognerebbe sforzarsi di trovare il lato positivo, o per lo meno sfruttarla per imparare qualcosa!
    Ma che razza di amici sono quelli che ti abbandonano perchè non hai la possibilità di spendere??? Insomma, ci sono tanti modi per stare insieme e divertirsi senza spendere! meglio perderli che trovarli questi!
    Personalmente, anche se ammetto che non è che mi trattenga chissà quanto con lo shopping, non amo il consumismo: insomma, vestiti e scarpe a parte, per il resto preferisco spendere per una cosa di buona qualità e basta e lo uso finchè dura(per es. io non amo i prodotti della Apple che sono carissimi e ti costringono a prendere tutto della stessa linea se no diventi matta a collegare tutti gli apparecchi: insomma ci sono marche con prestazioni equivalenti che costano molto meno, che la gente snobba solo perchè non sono "in"... per me è una follia!).
    Anche a pranzi e cene fuori sono abbastanza contraria, non solo per la spesa ma soprattutto per la qualità: che ne sai che ci mettono dentro? Io ho diversi amici che non fanno che andare a pranzo e cena fuori e poi si lamentano che non digeriscono o che ingrassano o che gli vengono le intolleranze, ma ti credo!
    Quanto al decluttering, in quello non sono tanto brava, io le cose o le rompo e le butto subito, o mi ci affeziono e non me la sento più di buttarle... che ci posso fare? ;)
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli che si allontanano da te perché devi tirare la cinghia non sono amici al massimo possono rientrare nella categoria conoscenti. ..meglio poche cose ma buone che tante ma scrausr...sull'affezionarsi alle cose ti capisco benissimo. Sul decluttering ammetto che al momento vorrei rifare quello dell'armadio ma xausa lavoro al momento non ho tempo mi ci metterò questo weekend 😀

      Elimina
  3. Really cool to hear your story. I think a lot of people have an "aha" moment where they get focused on paying down their debt. Congratulations on being debt free!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. This is true if you don't have "aha moment", you can easily overspend daily but when you understand the importance of budget and sacvings believe me you'll find fun sides of it...and relative headaches too:P thanks I am going to keep debt free until for long time:D

      Elimina
  4. anche io sto sempre attenta alle spese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tendo a stare attenta ma negli ultimi giorni sono stata un pò spendaccione, aka devo rimettermi preso in riga ma nonostante tutto sono diventata una "spendacciona" consapevole:P

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

VALERIO'S INTERVIEW

Era da un pò che mi frullava in testa l'idea di intervistare amici di blog e amici di altri campi e, tenere queste interviste almeno una volta al mese. Ho iniziato con Silvia (la sua intervista qui) ed ora è il turno di Valerio, ragazzo affascinante e simpatico (dico io) con qualche capello bianco (dice lui), ora noi è da Febbraio che proviamo a organizzarci per un caffè ma ancora non ci siamo riusciti, così se all'inizio pensavo di fare questa intervista di fronte ad una tazza di caffè reale, per ora ce lo prendiamo virtualmente...Valerio è stato carinissimo e disponibile, nonostante i suoi miliardi di impegni...ovviamente in rosso i miei commenti
Iniziamo con l'intervista:
Presentati (nome, data di nascita, professione,studi passioni, hobbies) Mi chiamo Valerio Chibbaro, nato a Roma il 08/08/1982 e tra poco compirò ben 35 anni.  Quindi mi tocca farti un regalo che ti darò ...uhm...boh...a Natale?Dai dai che l'uomo acquista in fascino con età e capelli grigi, George Clone…

MY MONEY WEEKLY CHECK UP

INTERVIEW: UN GIOIELLO DI RAGAZZO

Sto preparando diverse interviste per il blog, di amici e persone che ho trovato interessanti ed ho voluto approfondire la conoscenza, perchè ammettiamolo spesso anche se non ci si conosce personalmente attraverso commenti su commenti si scoprono un sacco di affinità...ora mi sto concentrando su lavori e scelte di vita (se non avete letto l'intervista di Lucia fatelo ora cliccando QUI ) particolari...ad esempio questa intervista è nata a forza di guardare le sue creazioni...oh son pur sempre donna e mi piacciono le cose belle in più ho una passione per gli anelli e Paco fa creazioni bellissime...della serie io sbavo ad ogni singola foto nuova e devo decidere cosa auto-regalarmi per Natale...un ragazzo giovane di grande talento e secondo me pure simpatico, pur non conoscendolo personalmente la sua faccia mi ispira simpatia...allora gli ho spedito una email o meglio una serie di domande tramite FB e vi giuro solo nel leggere le risposte ho sorriso tantissimo...ovviamente in rosso tr…