Passa ai contenuti principali

BOOK REVIEW: SCUSA SE TI CHIAMO STRONZO

Non si può resistere ad un titolo del genere, poi avendo letto la recensione da qualche parte, ho deciso di comprarlo, c'è qualcosa che mi intriga un sacco di questi libri, se poi sono scritti dagli uomini ancora di più...credo qualche parte del mio inconscio non si rassegni che tutti gli uomini sono maiali ed hanno un unico neurone funzionante, però diciamolo la mente maschile mi attrae molto e non solo a me e poi....questo libro conferma la mia ipotesi di uomini molto più basic rispetto alle donne...ma si sa noi siamo così dolcemente complicate...

Sono solo ai primi capitoli, ma già mi sono trovata a sorridere diverse volte, diciamo che l'autore mi ha conquistata con la fase " Io ve lo dico, poi, come al solito, fate voi", la cosa è ovvia, io leggo prendo nota e poi continuo a fare esattamente come voglio io....però già ce un uomo riesca ad ammetterlo mi piace....


Ma caro Mirko Spelta nonostante condivida il punto di vista sulla lingerie, non posso dire lo stesso sulle scarpe...cioè è innegabile che la scarpa con il tacco sia più femminile della ballerina-che poi io pur trovando modelli bellissimi non li metto perchè scomodi è un'altra storia-ma credo tu ultimamente un giro per la stazione non lo hai fatto...perchè io noto ragazze più giovani di me con le sneakers e anche donne di più di 60 anni che indossano le francesine con le calze color madre perla che non si possono vedere ma meglio inguardabili che malate, da settembre ad ora ho visto così tanti look improbabili alle 9 di mattina che potrei scriverci un libro, ma di tacchi molto molto pochi, quindi o abbiamo scelto tutte la via della comodità o X (come scrivi tu Spelta nel libro le scarpe da ginnastica non fanno ne caldo ne freddo) o nessuna ha letto il libro....ma caro Spelta se passi 3/4 della giornata a correre dall'ufficio alla stazione non è che la scarpa con il tacco sia questo grande aiuto, a meno che tu donna non vuoi romperti la caviglia, allora accomodati pure....

Argomento make up, qui bisogna che anche tra voi maschietti vi mettiate d'accordo, ci sono quelli che neanche capiscono se sei truccata e te invece dici che il trucco tira, mentre il trucco leggero no, tesoro mio si vede che non hai mai visto un trucco naturale fatto bene...e poi mica siamo solo noi donne a notare altre donne con in faccia maschere da Carnevale di Rio, anzi molto spesso i commenti più cattivi li ho sentiti provenire proprio dalla vostra bocca cari maschietti, devo dedurre che magari la lei in questione non ve l'ha data e voi fate un pò come la favola della volpe e l'uva?...viviamo in un paese democratico e grazie a Dio c'è libertà di espressione, di pensiero e di parola...quindi la mia non è ragione assoluta ma un semplice punto di vista personale

Al momento lo preferisco al libro Tutti gli uomini vengono al pettine, ma ovviamente la recensione completa arriverà al termine del libro, a meno che non arrivi a metà e abbia bisogno di condividere altri saggi consigli...di cui il più apprezzato rimane: "Io ve lo dico, poi, come al solito, fate voi"...già credo proprio che continuerò a fare di testa mia...

Commenti

  1. Vabbè scusa un uomo che scrive un libro sulle donne però mi pare una scelta azzardata ( e da quanto hai scritto mi sembra pure di aver ragione), si sa che gli uomini ragionano tutti più o meno allo stesso modo: tacchi, lingerie, capelli, la donna curata ma non esageratamente, ecc...
    Pur non avendo la più pallida idea di tutto quello che ci sta dietro, ovvero: che la lingerie, quella bella, costa un'occhio e lavandola spesso si rovina, quindi non è che te la puoi mettere tutti i giorni, che i tacchi sono adorati da entrambi i sessi ma quanto sono scomodi e dolorosi? (io ce li farei stare, gli uomini, un giorno su un tacco 12 e poi ne riparliamo...) Per non parlare di quanto tempo ci vuole per far avere ai capelli un bell'aspetto, e poi comunque subiscono le conseguenze di vento e umidità...
    Quanto al make up, personalmente ho sempre avuto esperienza di ragazzi che hanno sostenuto che sto meglio struccata, ma tanto mi trucco in modo molto leggero quindi non è che ci sia tutta questa differenza, ma anche nel caso ad uno piaccia la donna truccata, quanto tempo ci vuole per truccarsi? E poi si lamnetano pure che siamo ritardatarie!
    Sulla definizione di "stronzo" però non sono d'accordo, ci sono anche bravi ragazzi in giro (pochi ma ci sono), e mi basta pensare a mio papà o mio fratello per esser sicura che il genere non è ancora da buttare! :)
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tecnicamente è un libro scritto da un uomo per spiegare alla donna ciò che succede nella mente maschile. ..ora dando per scontato che noi siamo esseri superiori...diciamo che sono intriga tanto nel capire la psiche maschile. ..
      Sto ancora leggendo e sorridendo ma io continuo a truccarsi in maniera leggera portate scarpe comode e continuare a fare ciò che voglio....comunque sono d'accordo non tutti gli uomini sono stronzi😀

      Elimina
  2. Seems Interesting book, please post about this when you completed it. Even i feel all are not same.
    Keep reading :)

    RispondiElimina
  3. Sono letture curiose queste mi hai fatto sorridere! Sono d'accordo con il punto di vista maschile per quanto riguarda la femminilità hanno ragione!
    Proverò a leggere
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mente maschile mi attrae..sulla storia della lingerie concordo. ...però è vero che la femminilità è cosa buona e giusta ma non credo che l'autore abbia passato una giornata intera indossando il tacco. ..poi sarò fatta male io ma la femminilità ha milioni di sfumature e una donna può essere femminile anche senza il tacco...ma mi ha conquistato con la frase "io ve lo dico poi come al solito fate come vi pare"😆😃

      Elimina
  4. Perchè senza donne la vita, semplicemente, non varrebbe la pena di essere vissuta. MS.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

VALERIO'S INTERVIEW

Era da un pò che mi frullava in testa l'idea di intervistare amici di blog e amici di altri campi e, tenere queste interviste almeno una volta al mese. Ho iniziato con Silvia (la sua intervista qui) ed ora è il turno di Valerio, ragazzo affascinante e simpatico (dico io) con qualche capello bianco (dice lui), ora noi è da Febbraio che proviamo a organizzarci per un caffè ma ancora non ci siamo riusciti, così se all'inizio pensavo di fare questa intervista di fronte ad una tazza di caffè reale, per ora ce lo prendiamo virtualmente...Valerio è stato carinissimo e disponibile, nonostante i suoi miliardi di impegni...ovviamente in rosso i miei commenti
Iniziamo con l'intervista:
Presentati (nome, data di nascita, professione,studi passioni, hobbies) Mi chiamo Valerio Chibbaro, nato a Roma il 08/08/1982 e tra poco compirò ben 35 anni.  Quindi mi tocca farti un regalo che ti darò ...uhm...boh...a Natale?Dai dai che l'uomo acquista in fascino con età e capelli grigi, George Clone…

MY MONEY WEEKLY CHECK UP

INTERVIEW: UN GIOIELLO DI RAGAZZO

Sto preparando diverse interviste per il blog, di amici e persone che ho trovato interessanti ed ho voluto approfondire la conoscenza, perchè ammettiamolo spesso anche se non ci si conosce personalmente attraverso commenti su commenti si scoprono un sacco di affinità...ora mi sto concentrando su lavori e scelte di vita (se non avete letto l'intervista di Lucia fatelo ora cliccando QUI ) particolari...ad esempio questa intervista è nata a forza di guardare le sue creazioni...oh son pur sempre donna e mi piacciono le cose belle in più ho una passione per gli anelli e Paco fa creazioni bellissime...della serie io sbavo ad ogni singola foto nuova e devo decidere cosa auto-regalarmi per Natale...un ragazzo giovane di grande talento e secondo me pure simpatico, pur non conoscendolo personalmente la sua faccia mi ispira simpatia...allora gli ho spedito una email o meglio una serie di domande tramite FB e vi giuro solo nel leggere le risposte ho sorriso tantissimo...ovviamente in rosso tr…